Soprazocco Bike, giunta alla sua 16^ edizione, scalda i motori per l’appuntamento 2018!

17.01.2018 – Roberta Carta | Ufficio stampa

 

La Soprazocco Bike rivoluziona qualche tratto del percorso gara. Vi sveleremo quali saranno le modifiche definite e da definire, ed importanti dettagli sui magnifici gadgets che aspettano gli atleti per il 2 settembre 2018!

soprazocco-bike-comunicato-n-1-18-del-17-01-2018-foto-1

Le prime indiscrezioni sull’edizione 2018 della Soprazocco Bike profumavano già di novità, allo scopo di saperne di più abbiamo raggiunto Gianluca Franzoni, presso la sede della Soprazocco Mtb S.c., per fargli innanzitutto qualche domanda sul tracciato gara. Il percorso verrà allungato di due o tre chilometri, portandolo dai 44 km attuali ai 46/47 km. Verrà allungata la zona panoramica sopra al golfo di Salo’ così da rendere piacevole la vista, dimenticando che non si è ancora neanche a metà gara! Verrà modificato un tratto dell’ultima parte, spostando di un centinaio di metri la traccia del 2017!”, continua Gianluca Franzoni. “Poi, in ultimo, stiamo studiando un bel passaggio, sempre riguardante gli ultimi 10/12 km, ma ci sono dei dubbi su alcune proprietà private”.

Abbiamo allora chiesto ancora a Gianluca Franzoni come pensano di ovviare a questa problematica, e la risposta ci ha rassicurati: “Abbiamo già fissato alcuni incontri con i proprietari dei fondi in questione, i quali sono pronti a discutere con noi su come procedere.”

La nostra curiosità riguardava soprattutto l’apertura delle iscrizioni: “Come di consuetudine l’apertura sarà il primo giugno, e per quanto riguarda il pacco gara ci sarà sicuramente una favolosa t-shirt personalizzata in occasione della 16^ edizione, ed altri gadgets che sono ancora al vaglio dell’organizzazione. Pensiamo anche di anticipare la partenza: alle 9.00 invece che alle 9.30. Non abbiamo il pasta party, ma abbiamo su prenotazione spiedo con polenta ed altro, e vorremmo riuscire a metterci tutti a tavola entro le 13,30!” Insomma, tutte buonissime notizie quelle raccolte a Soprazocco. Ora non ci resta che attendere ulteriori dettagli, ed a giugno ci si potrà iscrivere! In alternativa, la gara è anche tappa del circuito Brixia Adventure Mtb, abbonandosi quindi a questo intero circuito di gare, si avrà automaticamente anche l’iscrizione alla Soprazocco Bike 2018! Le news saranno disponibili sul sito internet, e sulla pagina Facebook dedicati alla Soprazocco Mtb S.c.

 

http://www.mtbsoprazocco.com/

https://www.facebook.com/Soprazocco-BIKE-836788059688600/

 

Roberta Carta | Ufficio stampa

16^ EDIZIONE DI SOPRAZOCCO BIKE DEL 2 SETTEMBRE: IL 01 GIUGNO APRONO LE ISCRIZIONI!

La Soprazocco Mtb S.c. ha mantenuto la promessa fatta a gennaio, e puntualissima apre le iscrizioni nella data prestabilita. Un ricco pacco gara attende gli atleti, oltre che il rinomato “spiedo” Bresciano!

 

Avevamo incontrato Gianluca Franzoni a gennaio, per sapere già i primi dettagli sull’edizione 2018 della Soprazocco Bike, che quest’anno spegne ben 16 candeline (… la gara, non Gianluca!), e ci aveva parlato di interessanti variazioni del percorso, che avranno lo scopo di divertire maggiormente gli atleti, e di regalargli panorami mozzafiato! Una delle ultime novità di cui non avevamo ancora parlato riguarda invece un probabile giro di lancio, ancora al vaglio degli organizzatori, da percorrere in senso antiorario all’interno dell’abitato di Soprazocco (BS), che risulterà essere più selettivo e meno pericoloso.

La partenza della gara sarà anticipata dalle 9.30 alle 9.00, per consentire di procedere alle premiazioni, e di essere già seduti a tavola alle 13.30, addetti ai lavori compresi, e potersi gustare un pranzo particolare con il caratteristico “spiedo Bresciano” accompagnato dalla polenta!

Le iscrizioni sono già attive dalla giornata di oggi (Fattore K: ID 146328), e saranno sottoscrivibili fino alle ore 24.00 del 30 agosto, il sabato pomeriggio che precede la gara e la domenica dalle 6.30 alle 8.30 sarà possibile ritirare pettorale e pacco gara, mentre la mattina stessa del 2 settembre dalle 7.00 alle 8.30 ci sarà la possibilità di iscriversi alla pedalata ecologica al costo di 30,00 euro. Per chi si iscrive subito, e fino a tutto il 26 agosto, il prezzo scontato per partecipare alla competitiva sarà di euro 22,00. Dal 28 agosto il costo dell’adesione costerà 28,00 euro. Il pacco gara con la favolosa t-shirt personalizzata in occasione della 16^ edizione, ed altri gadgets tecnici, saranno disponibili solo per i primi 500 iscritti, non lasciateveli scappare!

La prima domenica di agosto, salvo imprevisti, ci sarà una prova percorso guidata, partendo dall’agriturismo “Ranch il Bosco”, e per tutti i dettagli vi rimandiamo ad un prossimo comunicato.

Altre news vi daranno maggiori informazioni dettagliate in tutto il periodo che precede la gara, e saranno disponibili sul sito internet, e sulla pagina Facebook dedicati alla Soprazocco Mtb S.c., E come recita lo slogan di Soprazocco Bike: “Ricorda che ti stai divertendo!”

 

 

http://www.mtbsoprazocco.com/

https://www.facebook.com/Soprazocco-BIKE-836788059688600/

 

Roberta Carta | Ufficio stampa

Storia

Il nostro Presidente Enzo, ci ha pregato (con obbligo e ricatti ) di pubblicare la prima parte della storia della Mountainbike.

I nomi, le date e i riferimenti a luoghi e persone sono puramente voluti dal Presidente stesso, il quale ha inoltre affermato di aver conosciuto di persona tutti i signori citati… Vi auguriamo una buona lettura e vi rimandiamo al prossimo capitolo della History che, ci comunica il Presidente, sarà arricchito con delle fotografie inedite tratte dalla sua collezione privata. In anteprima assoluta vi mostreremo “Lui” sulla mitica Schwinn che più volte ha citato.
A presto (Beppe e Simone)

Storia della Mountain Bike

Nel 1933 un certo Ignaz Schwinn iniziò la produzione di una bicicletta robustissima destinata ai fattorini che distribuivano il pane e i giornali: la Schwinn Excelsior.

Verso la metà degli anni 70, a Soprazocco,  alcuni ragazzi spinti dal desiderio di innovare e provare nuove esperienze, toglievano i carter ed i parafanghi alla mitica Graziella, per renderla più maneggevole da guidare su e giù dagli argini del Fai e del Soc, intuendo subito la potenzialità di una bicicletta di grossa sezione e dalle ruote grasse.

Gli storici, infatti, sono divisi, come per la scoperta dell’America: c’è chi pensa sia opera dei Vichinghi, mentre per i più di Crisoforo Colombo. Anche per la mountainbike, c’è chi dice sia nata a Soprazocco, e chi dice sia nata in California.

Mio parere personale, dato che ho vissuto in prima persona quelle esperienze, dico che la mountainbike è nata a Soprazocco!

Comunque, per proseguire, in California, saputo di questo nuovo modo di andare in bicicletta, alcuni ragazzi coetanei di noi di Soprazocco, un certo Gary Fisher, Joe Breeze, Charlie Cunningham, Tom Richey , iniziarono a modificare la Schwinn Excelsior rendendola più adatta alle loro scorribande in discesa.

Iniziarono ad applicare i cambi di velocità, modificarono il telaio con inclinazioni diverse, potenziavano i freni, saldavano, tagliavano,  attaccavano e toglievano.

In quel periodo Tom Richey creò la Stumpjumper, che dopo varie modifiche diventò uno dei modelli più famosi del mercato e dell’azienda che fondò: la Specialized.

Fu così, che questi ragazzi, uniti nel Velo Club Tamalpais di Marin County in California, il 21 Ottobre 1976 organizzarono la prima gara di discesa: la Repack, vinta da Alan Bonds, mentre Gary Fisher ne detenne il record di velocità per molti anni. Questa gara, svolta per l’ultima volta nel 1984, decretò quasi ufficialmente la nascita della mountainbike.

Nel 1985 Cinelli creò la prima mtb Italiana: il Rampichino, caratterizzata dal ridotto rapporto di trasmissione alla ruota, che consentiva l’arrampicata su ripide salite con il minor sforzo. La bicicletta fu un successo, tanto che per un periodo tutte le mtb di varie marche in circolazione in Italia venivano chiamate comunemente rampichino.

Lo stesso Gary Fisher, innamorato del rampichino, prima di produrre mtb con il suo nome, importò e distribuì sul territorio americano la mtb Cinelli.

Oggi la mountainbike è molto cambiata, l’acciaio del telaio ha lasciato il posto all’alluminio, al carbonio e al titanio.

I quasi 30 Kg della Excelsior sono ora ridotti anche a meno di 10, è stata introdotta la forcella prima e poi l’ammortizzatore posteriore, oltre ai freni a disco.